La raccolta di latte nell’UE è aumentata del 3,9% a giugno 2015 rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il totale delle consegne di latte nei primi 6 mesi del 2015 è stato più alto dello 0,8% rispetto allo stesso periodo nel 2014. Nello stesso periodo, ci sono stati il 3,2% in più di latte scremato in polvere, + 1,2% di burro, + 0,7% di latte concentrato e + 0,2% di panna. D’altra parte, la produzione si è contratta per WMP (-11,1%), latte fermentato (-3,1%), latte alimentare (-2,0%) e formaggio (-0,1%).

La media ponderata del prezzo del latte alla stalla dell’UE è diminuita nel giugno 2015 dell’1,9% fino a 30,0 c / kg, che è inferiore del 20% rispetto a giugno 2014 e del 13% rispetto alla media degli ultimi 5 anni. Secondo le stime degli Stati Membri, il prezzo medio del latte in Luglio 2015 sarebbe rimasto stabile a 30,0 c / kg.

I prezzi sui mercati del latte spot sono diminuiti rispetto alle ultime quotazioni. In Italia, il prezzo del latte spot è diminuito tra le settimane 31 e 32 del 2% (36,8-36,0 c / kg) ed è ora del 9% al di sotto del valore dello scorso anno. Anche nei Paesi Bassi, il prezzo del latte spot è diminuito tra le settimane 32 e 33 del 4% (24,0-23,0 c / kg), con una riduzione quindi del 28% rispetto al livello dello scorso anno.

La media dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari nell’UE è diminuita rispetto al mese scorso. La polvere di siero ha registrato il calo maggiore (-8%), seguita da WMP (-6%), latte scremato in polvere (-4%), burro (-3%), cheddar e Gouda (-2%), Emmental (-1%) e edam (-0,5%).

Sul mercato mondiale, i prezzi espressi in US $ sono generalmente diminuiti negli ultimi quindici giorni, fatta eccezione per i prezzi statunitensi del burro e del formaggio cheddar che ancora beneficiano di una forte domanda interna. In Oceania il calo più notevole si è verificato per SMP (-12%) e WMP (-9%). L’Oceania è la regione più competitiva per tutti i prodotti lattiero-caseari.

Le esportazioni dell’UE nei primi 6 mesi del 2015 sono migliorate per SMP, burro/butteroil, latte condensato, caseine e siero di latte in polvere. Cifre negative sono state osservate per WMP e formaggio.

L’Unione europea ha aumentato le esportazioni di formaggi verso tutte le destinazioni fatta eccezione per Russia e Libia. Fino al giugno 2015 gli Stati Uniti sono stati di gran lunga il principale sbocco per le esportazioni di formaggio con un aumento del 20% rispetto allo scorso anno seguiti subito dopo dal Giappone (+ 64%). Svizzera, Corea del Sud e Arabia Saudita accompagnano questi due paesi nella classifica delle principali destinazioni per esportazioni di formaggio dall’UE. Arabia Saudita, Egitto e Stati Uniti sono ancora le principali destinazioni per il burro dell’UE nel periodo gennaio-giugno, mostrando un notevole incremento in tutti e tre i casi rispetto allo scorso anno. L’Algeria guida la classifica per le esportazioni della SMP dell’UE anche se rispetto al 2014 i volumi sono diminuiti del 32%. L’Egitto è il secondo sbocco per la SMP dell’UE nei primi sei mesi dell’anno (con un incremento del 66% rispetto allo scorso anno). Per quanto riguarda la WMP UE, le destinazioni di esportazione nel periodo gennaio-giugno 2015 rimangono molto simili allo scorso anno, con l’Oman in prima posizione (+ 27% entro giugno) seguito da Algeria e Nigeria.

La NZ ha aumentato le proprie esportazioni nei primi 6 mesi del 2015 del 19% per la SMP e del 18% per i formaggi mentre il burro e i volumi di WMP sono diminuiti rispettivamente del 12% e dell’8%. L’alta domanda interna ed i prezzi hanno mantenuto basse le esportazioni USA di prodotti lattiero-caseari nel 2015. Formaggio e SMP – le principali merci esportate negli Stati Uniti – sono in diminuzione rispettivamente del 12% e del 6%. Burro e WMP sono in calo in percentuale maggiore (-73% e -28%), ma i volumi sono molto più bassi.

Dal lato della domanda, la Cina è ancora il principale importatore mondiale di prodotti lattiero-caseari (in equivalente latte), nonostante la diminuzione osservata per la maggior parte dei prodotti durante questo anno (gennaio-giugno), che va dal -56% per la WMP al -1% per il siero di latte. Stati Uniti, il Messico e l’Egitto hanno mostrato un notevole aumento delle importazioni di burro (+ 240%, + 89% e + 69% rispettivamente). Giappone, Stati Uniti e Corea del Sud guidano la classifica degli importatori di formaggi nel 2015, con un aumento dei volumi rispetto allo scorso anno, mentre la Russia, terzo importatore di formaggi, ha tagliato le importazioni del 58%.

In Nuova Zelanda la produzione di latte è aumentata dell’8% a giugno 2015 rispetto allo stesso mese nel 2014. Nella stagione completa 2014-15 (giugno 2014-maggio 2015), la produzione di latte è stata del 2,8% rispetto ai livelli del 2013-14. A giugno 2015 i prezzi del latte sono diminuiti del 5,9% (30,0-24,9 c/kg) con un calo del 17% in un anno.

La produzione di latte australiano durante giugno 2015 è aumentata dello 0,1% rispetto a giugno 2014. Nella stagione completa 2014-15 (luglio 2014-giugno 2015), la produzione di latte è aumentata del 2,6%.

La produzione di latte negli Stati Uniti è aumentato dello 0,7% nel mese di giugno 2015, vale a dire un aumento cumulato del 1,6% nel corso dell’anno. L’USDA ha leggermente sollevato la proiezione della fornitura di latte del 2015 che rimane però comunque vicino al + 1,35%. Per giugno 2015, il prezzo del latte degli Stati Uniti è stato segnalato a 37,2 c / kg (+ 3% rispetto a maggio, 17% rispetto allo scorso anno).

Fonte: Milk Market Observatory

Print Friendly, PDF & Email